Matrix intervista in esclusiva Michele Misseri: dove finisce il diritto di cronaca e inizia la becera morbosità?

Ieri sera, e forse ve ne siete accorti in molti, si è consumata una delle pagine più becere e di cattivo gusto della televisione italiana.

Matrix, che ormai si occupa quasi solo ed esclusivamente dei vari delitti irrisolti nel nostro Paese, ha mandato in onda un’intervista a Michele Misseri, lo zio di Sarah Scazzi uscito di prigione pochi giorni fa dopo l’arresto della moglie Cosima Serrano, indicata insieme alla figlia Sabrina come autrice del delitto.

Il contadino di Avetrana, tra un italiano incerto e alla faccia di quello che sostengono gli inquirenti, continua a ribadire la sua colpevolezza. L’assassino, sostiene Michele, è lui e per questo deve tornare in carcere.



Mentre le indagini su questo efferato delitto si avviano verso una conclusione, i cosiddetti programmi di approfondimento continuano a buttarsi a capofitto sulla vicenda di Avetrana, a fare a gara tra interviste e dichiarazioni in esclusiva, come in una delle peggiori soap-opera mai trasmesse.

L’ultimo episodio, come dicevo poco fa, è accaduto a Matrix. La giornalista Ilaria Cavo ha raggiunto Michele Misseri nella sua abitazione di via Deledda e, microfono alla mano, l’ha intervistato, bramosa di raccogliere tutti i peggiori particolari di questa drammatica vicenda.

Il risultato, imbarazzante e disgustoso, è stato un lungo filmato trasmesso nel corso della puntata di ieri in cui si vede Misseri ripercorrere le tappe cruciali di quel delitto, mimare il modo in cui afferma di aver ucciso la piccola Sarah e di aver calato il suo cadavere nel pozzo.

Questo triste spettacolino è stato visto da ben 2.579.000 telespettatori (con uno share del 28,41%). Allora di chi è la colpa? Dei telespettatori o di chi manda in onda questi servizi? Possibile che la morbosità degli Italiani sia arrivata a questo punto? Per rispondere a queste domande non possiamo che chiedere aiuto a voi lettori.

Condividi questa notizia

PinIt

6 thoughts on “Matrix intervista in esclusiva Michele Misseri: dove finisce il diritto di cronaca e inizia la becera morbosità?

  1. raffi

    i giornalisti dovrebbero limitarsi a raccontare i fatti e non a fare gli investigatori lasciando agli inquirenti e ai magistrati esperti il compito di svolgere le indagini per giungere alla verità vera di questa mostruosa vicenda. Quanto ad Ilaria Cavo e la sua cara amica giornalista, credono di essere state brave ma il loro intervista esclusiva fa veramente schifooooooooo……. e offende profondamente la memoria della povera Shara. consiglio loro di cambiare mestiere e autosospendersi dall’albo dei giornalisti.

    Rispondi
  2. raffi

    i giornalisti dovrebbero limitarsi a raccontare i fatti e non a fare gli investigatori lasciando agli inquirenti e ai magistrati esperti il compito di svolgere le indagini per giungere alla verità vera di questa mostruosa vicenda. Quanto ad Ilaria Cavo e la sua cara amica giornalista, credono di essere state brave ma la loro intervista esclusiva fa veramente SCHIFOOOOOOOOO……. e offende profondamente la memoria della povera Shara. consiglio loro di cambiare mestiere e autosospendersi dall’albo dei giornalisti.

    Rispondi
  3. franco

    Non vorrei che dietro questo servizio chiaramente tendenzioso e di parte si nascondessero interessi poco nobili.La verità sull’accaduto ormai gli italiani l’anno capita…!
    Dare spazio a questi ignobili depistaggi fa perdere credibilità alla trasmissione e ai pseudogiornalisti (pseudo nel senso di falso = non perchè non siano giornalisti, ma perchè sono giornalisti del falso) che ci collaborano.

    Rispondi
  4. Pingback: Tv dell’orrore, anche Quarto Grado fa il colpaccio: intervista a Salvatore Parolisi | TV Guida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *