Evasione del canone Rai? Presto potrebbe essere incluso nella bolletta elettrica

E’ un dato di fatto: il canone Rai è la tassa più evasa dagli italiani. E’ così da anni e finora non è mai stato fatto nulla al riguardo.

Ora una soluzione, che farà senz’altro discutere molto, è stata proposta da Paolo Romani, Ministro dello sviluppo economico.

L’idea è quella di imporre il pagamento del canone Rai direttamente dalla bolletta elettrica, indipendentemente dal gestore che la fornisce.

A rivelarlo è stato lo stesso ministro al Corriere della Sera:

A tutti i titolari di un contratto di fornitura di elettricità, siano essi famiglie o pubblici esercizi o professionisti, sarà chiesto di pagare il canone, perchè ragionevolmente se uno ha l’elettricità ha anche l’apparecchio tv. Chi non ha la televisione dovrà dimostrarlo, e solo in quel caso non pagherà.

Questa soluzione, garantisce il Ministro, avrà dei vantaggi anche per il consumatore, non solo per la Rai:

Se pagano tutti pagano meno. La proposta prevede che metà delle risorse vada alla Rai e metà a decremento del canone.

In teoria, non fa una piega. In pratica, ci sarà da discutere. Voi che ne pensate?

Condividi questa notizia

PinIt

2 thoughts on “Evasione del canone Rai? Presto potrebbe essere incluso nella bolletta elettrica

  1. perla

    sappete solo riempirvi le vostre tasca senza pensare le difilculta delle famiglie italiane . per voi comunisti 100 euro ogni anno non cambia nulla ma per le famiglie que devono pagare delle tasse assurde e a mala pena si arriva alla fina del mese, volette obligare la genti a pagare dei comunisti per stare seduti senza fare un cazzo tutto il giorno. e io pago,sai cosa vi dico ,tenetivi la vostra rai di merda e andate in marroco visto che i comunisti pensano solo agli stragneiri
    pensate un pò di piu alle famiglie italiana
    e per la cronica non ho mai pagato la rai e non lo faro mai, e ora volete mettere nella bolleta, vora dire che non paguero anche quelle, preferisco buttare la tv della finestra che pagare dei cumunisti dovvete solo vergognare a fare pagare la tv è gia dificile tirare avanti. sono brasiliana e sono facista, beluscone non chiede a nessuno di pagare la tv , prendete esempio da uno come lui, non avvete le palle per asomigliarlo percio andate in marroco con i vostri estragnieri un saluti a tutti e lasciate perdere la raiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii……………………

    Rispondi
  2. Fritz MT-01

    Innanzitutto il canone RAI è una tassa. Una tassa che si paga sul possesso fisico di un televisore (sintonizzatore + monitor) come chiaramente indicato nella legge al link: http://it.wikipedia.org/wiki/Canone_televisivo_in_Italia. Cosa diamine centra l’uso della corrente elettrica indispensabile alla sopravvivenza famigliare o per servizi pubblici primari (per esempio tribunali, stazioni di polizia e carabinieri, campi stanti o di malati gravi che hanno macchinari medicali in casa) con un oggetto voluttuario e superfluo? Non parliamo poi del nuovo ed ennesimo carico burocratico che un simile decreto si porterebbe dietro considerando che l’onere probatorio delle dichiarazioni di esenzione è a carico del cittadino! L’incoerenza logica di questo ragionamento è indiscutibile. Per pagarsi le loro cadreghine e la loro clientela votante, questi personaggi dovrebbero invece trovare soluzioni di raccolta economica diverse, considerare seriamente di agire sui risparmi delle LORO spese e finirla con legiferare burocratesimo (oltre 100mila leggi nel 2010 contro meno di 10mila tra Germania e Francia messe insieme)! Siamo al 68% di carico fiscale sui cittadini e sulle piccole e medie imprese e non ho ancora sentito nessuno di questa vergognosa casta che dia il buon esempio agendo sul risparmio dei LORO stipendi, delle loro spese e privilegi. Stanno invece attaccandosi ai servizi primari di sopravivenza come l’acqua, l’alimentazione, l’assistenza medica, il gas e l’energia elettrica; e manca poco che si arrivi anche su una tassa sull’aria respirata! E’ una vergogna!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *