Antonella Clerici e l’accordo RAI: “C’è stato poco rispetto, mi sarei aspettato di più da un’artista cresciuta e maturata in Rai”

Il recente accordo con Antonella Clerici – che resterà in Rai per i prossimi due anni per la “modica” cifra di 3,6 milioni di euro – non ha messo tutti d’accordo.

Tra questi c’è il consigliere Nino Rizzo Nervo, che si è sfogato sul Corriere Della Sera:

Sono deluso che un’artista cresciuta e maturata in Rai non si sia resa conto del momento che sta attraversando l’azienda. Mi sarei aspettato maggior collaborazione. A un certo punto della trattativa mi sono anche domandato: ma se noi non lo rinnoviamo la Clerici cosa fa la prossima stagione televisiva? Non dimentichiamo che con l’Isoardi La prova del cuoco non ha diminuito ascolti o ricavi pubblicitari. La forza è del format e del marchio.


E, ancora:

Con la Clerici abbiamo giocato sulla difensiva per non perderla. Ma le aziende che fanno tv sono poche e hanno loro la maggior forza contrattuale. Dovremmo calmierare i cachet degli artisti che con le loro richieste non considerano il mercato. Non si rischia. Nemmeno sui nuovi volti, non si fa vivaio. Ma non dimentichiamo che uno come Bonolis è partito dalla tv dei ragazzi. Io avrei adottato la linea del contenimento costi complessivi, riconfermando tutti vecchi contratti ma decurtati del 15%. Anche a costo di perdere qualcuno.

Dello stesso parere è Antonio Verro del Pdl:

Non ho gradito il tira e molla. Dalla Clerici mi sarei aspettato maggior riconoscenza e senso di responsabilità.

Va ricordato che, nonostante l’accordo sia stato raggiunto, il contratto non è ancora stato firmato. Che si prospetti un cambio all’ultimo momento? Ne sapremo di più nel corso delle prossime settimane.

Condividi questa notizia

PinIt

2 thoughts on “Antonella Clerici e l’accordo RAI: “C’è stato poco rispetto, mi sarei aspettato di più da un’artista cresciuta e maturata in Rai”

  1. Pingback: Antonella Clerici e l’accordo RAI: la polemica continua

  2. Pingback: Antonella Clerici e l’accordo RAI: la polemica continua

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>