Mauro Marin ribadisce a Bikini: “sono stato internato per abuso di droghe”

Non molto tempo fa vi abbiamo riportato alcune dichiarazione di Mauro Marin, vincitore del Grande Fratello 10, che rivelava di esser stato internato in una struttura psichiatrica.

Ammetto che la camicia di forza non mi è mai piaciuta. Ricordo che quando mi legavano nel letto di contenzione, non sentivo più il sangue che circolava nelle vene. […] Facevo i provini per il reality, ma ero domiciliato nella struttura. Il dottor Carlo Alberto Cavallo, psicologo del programma, sapeva tutto. Mi diceva che stavo bene e che ero pronto.

Questa rivelazione non era passata certamente inosservata, ma non le era nenache stato dato il giusto risalto e nessuno si era occupato di approfondire. Ci ha pensato Bikini, in onda su Canale 5 domani sera, ore 20.35.

Le telecamere del programma, grazie alla collaborazione dello stesso Marin, sono entrate nel reparto psichiatrico di Montebelluna, lo stesso che aveva ospitato il concorrente del GF10 fino a 15 giorni prima del suo ingresso nella casa più spiata d’Italia.

Sono stato a lungo internato qui. La causa? Abuso di droghe. Mi avevano spaccato la testa…sono arrivato alla camicia di contenimento, o fascia di contenimento per non chiamarla in altre maniere, sono cose forti. Chi ha provato la limitazione dell’esperienza personale a livello estremo, non ha più paura di nulla. Quando sono stato ricoverato per 15 giorni, poco prima del Grande Fratello ho detto: va bene, la prendo come una forma di allenamento al reality.

Ancora una volta, nessuno si sconvolge più di tanto di fronte ad una notizia del genere, soprattuto alla luce delle rivelazioni della Endemol, che si è detta al corrente della situazione:

Come tutti sanno, la produzione di GF sottopone tutti i concorrenti di Grande Fratello, prima di entrare nella Casa, a una serie di provini, visite mediche e incontri con psicologi, avvalendosi della consulenza di professionisti del settore. Tutto questo per valutare la loro idoneità a partecipare al programma. Solo se i ragazzi superano tutti questi controlli, hanno la possibilità di prendere parte al reality. Così è stato anche per Mauro Marin: il suo percorso, tra provini, visite e test, è stato uguale a quello di tutti gli altri concorrenti e, alla fine, come loro, è risultato idoneo.

Come vi dicemmo a suo tempo, in tutta questa vicenda c’è solo una certezza: che ci piaccia o meno, la biografia di Marin, “C’è una cosa che non vi ho detto”, sarà un successo.

Condividi questa notizia

PinIt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *