Il Peccato E La Vergogna: da settembre Manuela Arcuri e Gabriel Garko tornano in prima serata su Canale 5

La nuova fatica della coppia televisiva formata da Manuela Arcuri e Gabriel Garko si chiama Il Peccato E La Vergogna, una fiction in sei puntate ambientata nella Roma fascista di fine anni ’30.

Garko sarà Nito Valdi, un ragazzo cresciuto in un orfanotrofio, dopo l’abbandono della madre. Una volta cresciuto, diventa lo scagnozzo di un malavitoso e quando incontra Carmen Tabacchi, interpretata dalla Arcuri, la associa subito alla madre che lo ha abbandonato.

Inevitabilmente Nito se ne innamora e cerca in tutti i modi di conquistarla. Carmen ne rimane ben presto affascinata, ma l’amore nato per l’uomo si trasforma subito in odio quando Carmen scopre che è stato Nito a massacrare suo padre.

Da questo momento in poi, sullo sfondo dell’Italia fascista, i due daranno il via una lunga relazione malata e perversa. Il Peccato e la Vergogna andrà in onda a partire da settembre, ma nell’attesa ecco qualche dichiarazione rilasciata dai due protagonisti.

Intervistati dal settimanale TV Sorrisi e Canzoni, alla domanda “Che cos’è il peccato?“, i due hanno risposto:

Arcuri: “Si pecca quando si osa, facendo qualcosa che non si dovrebbe fare“.
Garko: “Il peccato è tutto e niente! Mi spiego meglio: dal punto di vista cattolico è tutto, dal mio punto di vista è qualcosa di assolutamente soggettivo, indefinibile come la normalità. Per me è peccato cornificare la fidanzata, ma anche picchiare qualcuno o abbandonare un cane“.

E la vergogna?

Arcuri: «Un estremo imbarazzo causato da azioni che hai compiuto e che non avresti dovuto compiere. Visto che abbiamo parlato di peccato, direi che ci si può vergognare di avere peccato».
Garko: «È soggettiva come il peccato, di cui può essere una conseguenza. Io, di solito, non mi vergogno».

Qualcosa di cui vergognarsi nella carriera?

Arcuri: “Dal punto di vista professionale non mi vergogno di niente, rifarei tutto quello che ho fatto fino a oggi. A parte, forse, qualche foto un po’ “spogliacciata” che ho accettato di fare all’inizio della carriera e che, francamente, non serviva a niente. Però ero giovane, avevo vent’anni, e a quell’età se ti dicono che quella foto senza reggiseno può essere utile alla carriera, la fai senza starci tanto a pensare“.
Garko: “Della scena di nudo integrale che ho fatto in “Senso ’45”, il film di Tinto Brass. Avevo accettato di spogliarmi a patto che il nudo non apparisse in un contesto sessuale. Sono stato accontentato e mi hanno fatto correre nudo su una spiaggia. Peccato, erò, che la scena sia stata montata al rallentatore e che io lo abbia scoperto solo vedendola al cinema. Sembrava che non finisse mai! Quando si sono riaccese le luci in sala ero praticamente sotto alla poltrona. Dopo avere visto il film, mia madre non mi ha parlato per tre mesi. A parte questo, non c’è niente della mia carriera che non rifarei“.

Condividi questa notizia

PinIt

4 thoughts on “Il Peccato E La Vergogna: da settembre Manuela Arcuri e Gabriel Garko tornano in prima serata su Canale 5

  1. Antonio

    Non è vero che sono insensato:io un senso nel mio piccolo ce l’ho!Sono cattolico;mi piace l’Arcuri anche se nessuno mai al mondo se ne è accorto:mi fa ridere Gabriel Garko perchè sembra Corto Maltese.Antonio.

    Rispondi
  2. Pingback: Il Peccato E La Vergogna: da stasera Manuela Arcuri e Gabriel Garko tornano in prima serata su Canale 5

  3. Pingback: Il Peccato E La Vergogna: ora arriva anche il calendario ufficiale

  4. Pingback: Il Peccato E La Vergogna: ora arriva anche il calendario ufficiale Streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *