Lino Banfi: “I Martini sono una famiglia di casinisti, le famiglie allargate rovinano la vita di molti bambini”

Lino Banfi, attualmente in onda con Un Medico In Famiglia 6, dove per l’ultima volta vestirà i panni dello storico ed amatissimo Nonno Libero, si schiera col Papa sulla questione “famiglia allargata” e critica la serie di cui è protagonista.

MedicoInFamiglia2

Questa, come ormai saprete, sarà l’ultima stagione della serie e Lino Banfi, intervistato dal settimanale TV Sorrisi e Canzoni, ha colto l’occasione per dire la sua.

I Martini non sono proprio una bella famiglia, anzi è una famiglia di casinisti. E’ sgretolata. Sul nonno per esempio sono cadute troppe responsabilità, con un padre assente per dieci anni… Io sono per la famiglia unica.


E ancora, citando Benedetto XVI:

Il Papa ha ragione: le famiglie allargate rovinano la vita di molti bambini. Non a caso sono sposato da 47 anni e mezzo. E visto che quando io e mia moglie ci sposammo il nostro matrimonio non ebbe il corredo di fiori e strascichi bianchi che ogni donna sogna, per festeggiare le nozze d’oro vorremmo recuperare. Faccio un appello al Papa: vorrei che celebrasse personalmente la messa delle mie nozze d’oro. Ora ho tanti altri progetti, tra cui quello di lavorare nella mia casa di produzione al fianco di mia figlia Rosanna.

Nel frattempo, in attesa di scoprire se e quali conseguenze potranno avere queste dichiarazioni, Un Medico In Famiglia 6 continua a mietere ascolti, diventando il programma più seguito della giornata con qualcosa come 7 milioni 83 mila telespettatori nella terza puntata. Un bel record, non c’è che dire.

Un Medico In Famiglia

Ma voi che ne pensate della famiglia allargata? Siete d’accordo con Lino Banfi?

Condividi questa notizia

PinIt

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>