La pubblicità in TV entra in crisi: si punta al web e a cachet più bassi

Sono espressione della comunicazione commerciale in tv, ma il trend è un abbassamento dei cachet. E questa è l’ultima spiaggia del risparmio. Non si possono infatti ridurre cameraman o tecnici nella realizzazione di uno spot.

Che alcuni spot televisivi fossero eccessivamente costosi ce ne eravamo accorti. Da George Clooney a Luciana Littizzetto, passando per Nicole Kidman e Uma Thurman fino ad arrivare al trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo, tutte celebrità e volti noti che ovviamente richiedono alti cachet – dai 200 mila euro a più di un milione di euro – per pubblicizzare prodotti e programmi. Da oggi, stando all’amministratore delegato della Lowee-Tirella Fronzoni, Alessio Fronzoni, tutto questo dispendio di denaro non sarà più possibile.

 

Complice un calo degli investimenti pubblicitari del 12,3%, non è più conveniente spendere tanto denaro per pubblicizzare un prodotto in televisione. E’ ormai noto che ci sono altri canali di comunicazione molto meno dispendiosi, “blog, dialogo diretto tra azienda e consumatori, oppure vecchi filmati e cartoni animati, oppure ancora una contaminazione tra questi vari generi“.

E’ ovvio che le star attirare maggiormente l’attenzione del pubblico rispetto ad un pinco pallino che pubblicizza la stessa cosa, ma stando a quanto è emerso dall’ultimo festival della pubblicità a Cannes, quello su cui si dovrebbe puntare non sono i personaggi, ma le idee.

Ad eccezione di grandi aziende popolari, come la Barilla che non possono fare a meno della tv, le altre si stanno allontanando dal video per puntare su Internet e la telefonia cellulare. Sono necessarie produzioni più economiche, perché il top della crisi arriverà nel prossimo autunno.

Ma davvero, secondo voi, aziende come la Barilla “non possono fare a meno della Tv“? Voi da cosa vi fate più influenzare, da una pubblicità vista in TV o da una trovata navigando in rete?

[via Il Tempo]

Condividi questa notizia

PinIt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *